Vogliamo aria più pulita in casa? Quello che ci serve è un sanificatore d’aria

Anche nei modi di dire, “cambiare aria” significa stare meglio. Un buon sanificatore d’aria ci permette di avere sempre un ricambio di aria pulita.

26/09/2018  |  Fantini Cosmi Tempo di lettura
3
min.
3

 

Rinnovare l’aria all’interno di un ambiente è una delle prime regole della salute, ed è una delle convinzioni del passato rimasta intatta nel corso degli anni. Usare un sanificatore d’aria significa fare esattamente questo, con tutti i vantaggi offerti dalla tecnologia.

La qualità dell’aria, una questione di salute
Vivere in un ambiente con un’aria più fresca e pulita favorisce la nostra salute. Non si tratta solo di una fondata convinzione popolare. Secondo il Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell’Istituto superiore di sanità infatti, fra le principali cause di aumento dei casi d’asma c’è proprio la crescente urbanizzazione. A causa di questa infatti tutti noi passiamo più tempo in ambienti chiusi, con poca circolazione dell’aria e con un’esposizione sempre più alta ad acari, polvere e inquinamento.

Problema, quello dell’inquinamento, segnalato anche da Legambiente, secondo la quale la qualità dell’aria in Lombardia nel 2017 è peggiorata rispetto al 2016.

Come sanificare un ambiente in modo facile e veloce
L’unica differenza rispetto al passato è che oggi sappiamo che per avere un ambiente pulito, igienico e sano non è sufficiente “aprire le finestre” e far circolare l’aria. Anche quella esterna infatti può contenere batteri, inquinanti, impurità e allergeni. Ecco perché, oltre al ricambio, è indispensabile effettuare anche una buona purificazione dell’aria.

Purificare l’aria rispettando l’ambiente
Oggi gli sprechi sono banditi: non solo quelli di prodotti e risorse, ma anche quelli energetici. E quando c’è la necessità di sanificare l’aria in un ambiente e rinnovarla, uno dei principali problemi è la conservazione del calore, in particolare nei periodi più freddi. Introdurre aria fredda nell’ambiente infatti significa inevitabilmente aumentare i costi e, di conseguenza, gli sprechi.
Per questo motivo, nella scelta di un purificatore d’aria, è indispensabile individuare un modello che funzioni anche da recuperatore di calore. Ovvero, che permetta all’aria purificata di entrare nell’ambiente già alla giusta temperatura, evitando di raffreddare la casa e costringerci a riscaldarla di nuovo.

Come funziona un sanificatore d’aria?
Lo vediamo con un esempio in anteprima, Rhinocomfort, il prodotto ideale per purificare l’aria nelle stanze, grazie alla forma estremamente compatta e alla possibilità di essere adattato a qualsiasi tipo di muro.

Il sistema di sanificazione dell’aria Rhincomfort si basa su un processo chiamato fotocatalisi. In pratica, una luce a LED calibrata su particolari lunghezze d’onda e la presenza di vapore acqueo decompongono le sostanze nocive durante il passaggio dell’aria attraverso il condotto di aerazione, restituendo aria purificata e a temperatura controllata.

Il processo è in grado di eliminare la maggior parte dei batteri, delle impurità e degli agenti inquinanti.

Rhinocomfort, inoltre, è pensato per far fronte anche alle esigenze energetiche: permette di recuperare fino al 90% del calore, abbassando considerevolmente i costi di gestione degli ambienti la cui aria deve essere costantemente purificata.

Sanificare: cosa significa purificare l’aria, e quali sono i vantaggi?
Oltre a quelli immediati, come la possibilità di eliminare impurità, allergeni, batteri e sostanze tossiche che si possono accumulare in un ambiente, un purificatore d’aria come Rhinocomfort offre diversi altri vantaggi.

Tra questi, è da sottolineare la possibilità di mantenere un livello di umidità controllato, il che permette di ridurre considerevolmente la formazione di muffe sui muri, diminuendo di conseguenza la possibilità di avere in casa sostanze pericolose per la salute.

Per questo, l’uso di un sanificatore d’aria non deve essere preso in considerazione solo negli ambienti domestici di maggiore utilizzo, ma anche nelle zone periferiche, in cui la formazione di muffe e macchie di umidità è più probabile.

RESTA INFORMATO CON FAN NEWS!

Iscriviti alla nostra newsletter
Benvenuti!

Per scaricare il catalogo devi accedere all'area riservata.